giancarlo e katia sposi

giancarlo e katia sposi
2 luglio 2014

lunedì 16 gennaio 2012

Il presepe di Custonaci

I Mestieri

L’immenso patrimonio culturale degli antichi mestieri e delle tradizioni siciliane, rivive ogni anno grazie al Presepe Vivente e alle attività dell’Associazione Museo Vivente di Custonaci.
Tra gli antichi mestieri rievocati vi sono:

U CURDARU, (il cordaio)
U ZABBARINARU (lavorazione dell’agave)
I MANNARI (lavorazione del latte)
U STRINCITURI (per la macina delle olive)
U FIRLIZZARU (chi costruisce sgabelli)
U SELLARU (il conciatore di selle)
U PUPARO
U PIGNATARO

Gli “attori” sono per lo più uomini e donne di Custonaci o di paesi vicini. Essi non interpretano ruoli ma vivono realmente situazioni di cui sono o sono stati protagonisti sino a un passato recentissimo. Gli artigiani, inoltre, ripropongono in un contesto fuori dall'ordinario il mestiere che esercitano a Custonaci o in luoghi poco distanti: Buseto Palizzolo, Castelvetrano, Trapani, Valderice. Artigiani veri dunque come vere sono le operazioni che compiono, reali sono i gesti che articolano, finalizzati a uno scopo. 



Il Presepe di Custonaci si pone come una sorta di operazione “museografica”, nel senso dei sapere e della sua comunicazione, la cui validità è certamente apprezzabile. Una operazione di questo genere comporta, infatti, la conoscenza dei proprio territorio e delle attività produttive a esso connesse e il recupero di tutta una serie di competenze organiche a un tessuto economico e sociale ormai da decenni in via di rapida trasformazione. in altri termini, anche se per un lasso di tempo circoscritto - ma bisognerebbe analizzare eventuali effetti a distanza – il Presepe Vivente di Custonaci, per il modo in cui è stato pensato e organizzato, conferisce identità a una intera comunità sia sui versante della cultura materiale sia su quello della cultura intellettuale con il recupero dei patrimonio di conoscenze e di abilità manuali connesso ai singoli mestieri.

Mestieri che si fanno e che si rappresentano nel loro farsi, costituiscono una occasione rara per la conoscenza. Gli oggetti e le tecniche a essi connesse dicono per mano di coloro che li sanno adoperare e attraverso i prodotti che servono a confezionare. In questo senso si tratta di una operazione museografica, di una museografia sempre auspicata e con difficoltà realizzata laddove essa, avendo a che fare con reperti della cultura materiale, si pone il problema di convertire il loro statuto, il posto e le relazioni che essi hanno con il mondo sociale.

A Custonaci, in sostanza, una comunità si fa memoria non tanto per celebrare il proprio passato quanto per fondarsi e rifondarsi in un oggi di cui appaiono incerti i tempi dei domani.


                                                  http://www.presepeviventedicustonaci.it/

6 commenti:

Tomaso ha detto...

VCaro Angelo eccomi anche qui, solo che mi devo rimettermi intanto ti dico che da me per commentare è molto facile io non ho neppure la verifica parola.
Buona serata caro nuovo amico.
Tomaso

pierangela ha detto...

Ciao Angelo, buona serata.

Paola ha detto...

Interessante e molto particolare questo presepe vivente che rievoca mestieri di tempi passati... anche da noi da qualche anno si riscoprono antichi mestieri... e trovo che sia bello e istruttivo ricordare ciò che giorno dopo giorno si sta perdendo...
Ciao Angelo caro un abbraccio per una buona serata... baciotti!!!

Marianna ha detto...

ciao amico mio , sai per presepi io e max siamo andati a visitare tutti e cento i presepi un opera stupenda non li ho pubblicati soli perchè troppi ...scusa se non sono più passata la tua amica marianna

valerio ha detto...

é bellissimo questo tuo post , bello vedere i mestieri "vecchi" , stanno scomparendo ed è davvero un peccato .

ciao Angelo

❀~ Simo ♥~ ha detto...

Questi scatti sono testimonianza di fede e di vita
Ottimo reportage Angelo!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...