Giancarlo e Katia Sposi

martedì 30 giugno 2020

A la Sicilia mia

E si sta terra spissu havi svinturi
però non perdi mai la puisia,
ed è balsamu a tutti li duluri
lu suli ca ni duna l'alligria.

Perciò iù comu l'edira a li muri
sugnu attaccatu a st'isulidda mia,
e mancu si mi fannu 'mpirturi
cu n'autru regnu iù la cangiarìa.

E siddu 'n jornu mi n'avissi a ghiri

sarrìa comu n'aceddu 'ntra li riti, 
o comu 'n pisci 'ntra l'aria suspisu;
e quannu veni l'ura di muriri
nuddu cunfortu dari mi putiti,
pirchì lu lassu ccà lu paradisu.

Francesco Guglielmino (professore universitario e poeta siciliano, 1872-1956)

Traduzione
" E se questa terra spesso subisce sventure/ però non perde mai il senso dlla poesia/ ed è balsamo a tutti i dolori/ il sole che ci dona l'allegria./ Perciò io, come l'edera sui muri/ sono attaccato a questa mia isoletta/ e neppure se mi fanno imperatore/ non la cambierei con un altro regno./ E se un giorno io dovessi andare via/ sarei come un uccello dentro le reti/ o come un pesce sospeso in aria;/ e quando verrà l'ora di morire/ non mi potete dare alcun conforto/ perchè il paradiso lo lascio qui". 


4 commenti:

Anita ha detto...

Sicilia is a beautiful Island.I have read much books from the place and still watch movies from the place--Palermo and Corleone and all the beautiful places I shall visit whenever able(You can be my guide!).Beautiful poem you have written about the place

I totally agree!

Wish you all good to you and family

Anita

Tomaso ha detto...

Caro Angelo, con questa foto che fai vedere la bellezza della Sicilia.
Ciao e buona serata con un forte abbraccio e un sorriso:-)
Tomaso

Claudia Turchiarulo ha detto...

Ho viaggiato tantissimo in lungo e in largo, ma non sono mai stata in Sicilia.
È una lacuna che mi riprometto spesso di colmare.
Non voglio perdermi le meraviglie della tua Terra.

pino ha detto...

Un canto d'amore per la propria terra, che si può lasciare, ma non dimenticare.

Currivu

Mi pigghiu
‘na stritta
‘nto core
quannu sentu
quarcunu ca sparra
di dda terra
pigghiata
da du delinquenti.

Senza capiri,
ti pittanu
comu mafiusu,
picchì figghiu
da bedda Trinacria,
ch’è cchina di suli,
di munti e di mari.

E di genti
ca si teni
lu bonu e lu tintu,
ca duna lu cori,
senza riciviri nenti.

Giuseppe Romano


16/08/2007

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...