giancarlo e katia sposi

giancarlo e katia sposi
2 luglio 2014

giovedì 10 dicembre 2015

Museo dell'acciuga

Nella borgata marinara di Aspra, una frazione di Bagheria in provincia di Palermo, esiste una realtà unica nel suo genere, il "Museo dell'Acciuga". Creato da i fratelli Girolamo e Michelangelo Balistreri per non far dimenticare la tradizione della pesca, tra foto d'epoca conchiglie lampare e pezzi di barche dipinte da vari artisti, viene raccontata la storia del "salaro" cioè colui che mette sotto sale le acciughe, promuovendo il proprio territorio e il mare con il suo prezioso pesce azzurro.

  
Il museo conosciuto a Roma, Parigi, Londra, Berlino, Tokyo, New York, Sidney, non è quasi sicuramente conosciuto dagli abitanti limitrofi al luogo, e ogni anno viene visitato a titolo interamente gratuito da scolaresche, studenti universitari, turisti, autorità e personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo. Non vive di finanziamenti Regionali o Statali, ma grazie alla passione dei fratelli Balistreri che sin dal 1947 sono riusciti a creare una realtà imprenditoriale per la conservazione dell'acciuga continuando la tradizione di famiglia del nonno Battista, pescatore che conoscendo i segreti del mare, è riuscito a far conoscere il prodotto in Spagna in America, e avviando una azienda di conserve ittiche che oggi con la sua fabbrica di 4000 mq si avvale di una manodopera altamente qualificata.

 
 Foto d'epoca della vecchia fabbrica

Il successo dell'iniziativa è stato ampliato anche da trasmissioni televisive come Linea Blu, Sereno Variabile, Geo e Geo ecc. e Michelangelo, quando è in sede si mette a disposizione facendo da cicerone, recitando poesie, canzoni nel tempo, aneddoti unici, e il visitatore viene trasportato indietro nel tempo alla metà del novecento riscoprendo tradizioni ormai dimenticate e prossime all'estinzione.








Michelangelo Balistreri 



La guida ci mostra come veniva salato il barattolo di latta che veniva esportato e venduto nelle botteghe. Nei locali del museo, prossimo ad un allargamento per una continua richiesta di visite, http://citbagheria.it/museo-delle-acciughe-aspra/    si può ammirare una raccolta, dove pezzi di vecchie barche (le sardare) vengono ristrutturate decorate e dedicate ad artisti locali come Renato Guttuso e Ignazio Buttitta, alle vittime della mafia Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e le loro scorte, Padre Pino Puglisi, Rita Atria e altre personalità come Papa Karol Wojtyla, e qui si realizza la "Sard'Art" dove Michelangelo con la sua chitarra accompagnato dal musicista Francesco Maria Martorana, recita le sue poesie  http://www.balistrerimichelangelo.net/#Home%20page   facendo conoscere le bellezze di questa terra martoriata.

 Renato Guttuso e Ignazio Buttitta

 Falcone e Borsellino


 Giovanni Paolo II

Padre Pino Puglisi

banjo chitarra
chitarra acciuga

l'ampia sala di esibizione
Zona Sard'Art





L'acciuga vuole nuotare tre volte, nell'acqua, nell'olio e nel vino

Le sardare dove d'estate si possono fare escursioni in mare
" a putia ri pisci salati " 
la bottega del pesce salato
dove è possibile acquistare prodotti tipici locali a base di acciughe

Si ringraziano i Fratelli Balistreri per la disponibilità insieme alla nipote che ci ha raccontato la storia dell'acciuga in tutti i suoi risvolti di tradizione del mare. Cliccare sulle foto per ingrandirle.

8 commenti:

UIFPW08 ha detto...

Ottimo post Angelo complimenti

Tomaso ha detto...

Caro Angelo ^, rieccomi anche qui da te ora che il mio male è sotto controllo medico e che sembra stabilizzato, posso passare e vedere i tuoi bellissimi post, come questo, complimenti cara amico.
Ciao e buon fine settimana, sempre con un sorriso.
Tomaso

pino ha detto...

Ospite anch'io del museo dell'acciuga, colgo l'occasione per ringraziare i Sigg. Balistreri che, con passione, portano avanti il museo e la storia dell'acciuga salata. Un pomeriggio fantastico per un ritorno al passato, con la giusta attenzione al futuro. I miei complimenti Angelo per avere colto, attraverso le immagini fotografiche,i momenti più significativi della nostra visita.

A. ha detto...

Che meraviglia! Immagino siano buonissimi i prodotti :))

Ti ringrazio per gli auguri e li ricambio con affetto.

Alina

Gianna Ferri ha detto...

Post molto interessante.

Buon Natale a te !

Paola ha detto...

Angelooooooo ma che meraviglia di post, pensa che un mio ex collega, amante del mare, e per hobby andava a pesca di acciughe e poi le metteva nei vasi sotto sale, di tanto in tanto me ne portava qualcuno.... che bontà!!!
Tornando a bomba è veramente interessante il Museo ricco di testimonianze.... bravi i fratelli Balistreri.
Angelo ti lascio un caro augurio di Buon Natale a te e famiglia e che sia una giornata di serenita e pace.... abbraccioni grandi!!!

Aglaia ha detto...

Lascio in questo bellissimo Post, gli auguri per un felice Natale per te e la tua famiglia Caro Angelo. Un abbraccio di cuore.

essec ha detto...

Mi auguro che questo post riesca a promuovere e incentivare ancor di più questa ammirevole iniziativa! Ottimo reportage ben suffragato da un efficace racconto.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...