Giancarlo e Katia Sposi

Ultimi post pubblicati

lunedì 27 maggio 2019

domenica 26 maggio 2019

Storiella

L'isola dei sentimenti (Nazin Hikmet)
  
C'era una volta, un'isola dove vivevano tutti i sentimenti e i valori degli uomini: il Buon Umore, la Tristezza, il Sapere... così come tutti gli altri, incluso l'Amore.
Un giorno venne annunciato ai sentimenti che l'isola stava per sprofondare, allora prepararono tutte le loro navi e partirono; solo l'Amore volle aspettare fino all'ultimo momento. Quando l'isola fu sul punto di sprofondare, l'Amore decise di chiedere aiuto.
La Ricchezza passò vicino all'Amore su una barca lussuosissima e l'Amore le disse: "Ricchezza mi puoi portare con te?" "Non posso, c'è molto oro e argento sulla mia barca e non ho posto per te." L'Amore allora decise di chiedere all'Orgoglio che stava passando su un magnifico vascello; "Orgoglio, ti prego, mi puoi portare con te?" "Non ti posso aiutare, Amore...", rispose l'Orgoglio, "Qui è tutto perfetto, potresti rovinare la mia barca." 
Allora l'Amore chiese alla Tristezza che gli passava accanto:"Tristezza, ti prego, lasciami venire con te!" "Oh Amore!", rispose la Tristezza, "Sono così triste che ho bisogno di stare sola." Anche il Buon Umore passò di fianco all'Amore, ma era così contento che non senti che lo stavano chiamando.
All'improvviso una voce disse:"Vieni, Amore, ti prendo con me." Era un vecchio che aveva parlato. L'Amore si senti così riconoscente e pieno di gioia che dimenticò di chiedere il nome al vecchio. Quando arrivarono sulla terra ferma, il vecchio se ne andò.
L'Amore si rese conto di quanto gli dovesse e chiese al Sapere: "Sapere, puoi dirmi chi mi ha aiutato?" E' stato il Tempo rispose il Sapere.
"Il Tempo?" Si interrogò l'Amore.
"Perché mai il Tempo mi ha aiutato?" 
Il Sapere pieno di saggezza rispose: "Perché solo il Tempo è capace di comprendere quanto l'Amore sia importante nella vita."

A te...Mamma

Lettera di Ester Di Stefano

Francesco
che oggi compie un mese

venerdì 24 maggio 2019

Recensione e foto delle opere esposte alla Real Fonderia Palermo

 
In Angelo Battaglia, le forme visive in movimento creano una seducente innovativa bellezza di configurazioni atemporali.


Nel 1978 la produzione grafica di Angelo Battaglia, presentava opere, dai titoli: "Tempo dell'amore"; "Ritratto di una Folk"; "Ricordo dell'Ignoto"; "L'uomo e il capitale"; "Struttura universo"; che creavano una molteplice sperimentazione di volumi tridimensionali apparentemente statici, viventi negli ampi spazi del cielo ignoto, già tematica del suo lavoro creativo.

Altre sue opere non più grafiche ma fotografiche, dal titolo "La Cala 3.0" (2014 - 2018) sono in continuità con la sua produzione precedente, e con gli studi della "Psicologia percettiva" degli anni Sessanta e Settanta. Le possibili parentele sono da ricollegare con gli autori della Optical Art, e precisamente con la Bridget Riley e con l'ungherese Victor Vasarely, e con gli artisti e gli architetti dell'Istituto d'Arte "Bauhaus" fondato nel 1919, nonché con la rivista olandese "De Stiyl" fondata nel 1917, aggiungerei gli studi di Rudolf Arnheim, sui linguaggi della percezione visiva. La sua ricerca continua a rappresentare o ad accentuare, come precedentemente, i valori visivi, che attraverso le griglie modulari e l'utilizzo del retino da lucido, creano maggiormente l'illusione ottica del movimento, offrendo allo spettatore-fruitore il rapporto diretto con le opere, quasi estranei alla stessa soggettività dell'autore.

Inoltre, Angelo Battaglia, realizza altre opere nel 2019 e come nel 1978 si affida nuovamente al disegno, e ad un informale astrattismo cromatico che configura il suo linguaggio lirico-simbolico, dai titoli: "Cono della vita"; "Sguardi paralleli"; "Nucleo"; "Omaggio a un Rege" e "Diamante" in continuità e con maggiore sintonia con la geometrizzazione del segno, che approfondisce con l'indagine esoterica che riguarda l'arcano universo del numero. Tale incisiva scelta possiamo evidenziarla nell'opera: "Cono della vita" dove attraverso la strettoia del cono capovolto, racconta le date o la successione degli eventi dell'esistere.

Per concludere, possiamo affermare che in Angelo Battaglia, la sua sintesi immaginativa: prodotta dai processi conoscitivi che lo coinvolgono direttamente, risiede nella ricerca di una perfezione informale astratta e intellettiva, capace di ricreare seducente innovativa bellezza di configurazioni atemporali.

 

(Testo scritto da Francesco Federico. Palermo, 6-11 maggio 2019)


Diamante 2019

Cono della vita 2019

Omaggio a un Rege 2019

L'uomo e il capitale 1978

Struttura Universo 1978

Tempio dell'Amore 1978

Ritratto di una Folk 1978

Ricordo dell'Ignoto 1978

Sguardi paralleli 2019

Nucleo 2019
Cliccare sulle foto per ingrandirle

Ancora un successo all'Auditorium "Domenico Modugno"




Di Franco Verruso

Oltre due ore di sano divertimento con lo “Show-Lab”, una particolare manifestazione composta da musiche, canzoni, cabaret, varietà e danze orientali, organizzata e diretta dal cabarettista Enzo Carnese che, ad apertura di sipario, dopo alcune divertenti divagazioni sul palermitano doc e, principalmente, sulla coppia, presenta Lino Zinna, sosia ufficiale del compianto “Mister Volare” che, coadiuvato da una scatenata Giovanna Macaluso, canta ”La donna riccia”; subito dopo la turca Sevi Nisa con un coloratissimo costume, esegue una caratteristica danza turca. E’ la volta, poi, del noto ed elegante cantante Fabio Dani che, propone alcuni indimenticabili motivi: Io vagabondo, Buonasera signorina e Il ballo del mattone.(continua a leggere su) http://www.siciliaunonews.com/2019/05/ancora-un-successo-all-auditorium.html#more

venerdì 17 maggio 2019

Mostra "Varie Forme d'Arte"

da sx F. Federico, E. Di Stefano, A. Battaglia, G.Cusumano

Si è inaugurata l'11 maggio scorso una mostra dal titolo "Varie Forme d'arte" di Angelo Battaglia e Ester Di Stefano, presso la ex Real Fonderia Oretea a Palermo. La mostra mette a confronto due autori che realizzano le proprie opere, in digitale (Di Stefano) e manuale (Battaglia). La cerimonia inaugurata alla presenza di un numeroso pubblico, è stata presentata dal relatore Francesco Federico, dopo i saluti dell'amministrazione comunale, nella persona del consigliere comunale avv. Giulio Cusumano. In Angelo Battaglia (... le forme visive in movimento creano una seducente innovativa bellezza di configurazioni atemporali...) in Ester Di Stefano (...il linguaggio astratto crea innovativa armonia di luce...) di Francesco Federico. La mostra chiuderà i battenti domani dove gli autori  saranno presenti nel pomeriggio per ringraziare tutti gli intervenuti all'inaugurazione. Cliccando sul link seguente si possono vedere le foto dell'intera manifestazione.


da sx E. Di Stefano M. Anselmo A.  Battaglia

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...